Happy Tree





This is an example of a HTML caption with a link.







Potature alberi a Roma e Castelli Romani

Garanzia di potature Cedro, Pini e alberi ad alto fusto che rispettano la pianta e la
sicurezza delle persone

Happy Tree può assicurarti un servizio di potatura alberi a Roma e nei Castelli Romani di grandissima qualità, in grado di coniugare l'interesse a preservare l'incolumità di cose e persone e la salute della pianta. Un servizio che viene di volta in volta progettato su misura in base alle esigenze specifiche, utilizzando le tecniche di volta in volta ideali per ottenere il risultato di una potatura alberi ad alto fusto di qualità garantita.

Servizi offerti:

  • Potatura Pini
  • Potatura Alberi Alto Fusto
  • Potatura Alberi Roma
  • Potatura Alberi Castelli Romani

Happy tree è un'azienda specializzata, che possiede le certificazioni previste a norma di legge per operare interventi specialistici, come la potatura del cedro o dei pini, alberi che raggiungono anche svariati metri di altezza. Un insieme unico di conoscenze ed esperienza che fa di Happy tree il punto di riferimento per gli interventi di potatura alberi a Roma e nei castelli Romani.

POTARE GLI ALBERI

La maggior parte delle piante ad alto fusto non richiederebbe potatura per l’intera vita, se si eccettua qualche periodico intervento di pulizia dal secco. Un buon progettista di giardini dovrebbe prestare molta attenzione allo spazio che l’albero col tempo occupera’ con la crescita. Piante ad alto fusto come i Cedrus (atlantica e deodara), i pini ed abeti, gli ippocastani, i tigli, gli aceri, le acacie non possono essere piantati in giardini di pochi metri quadrati.

Tipologie di potatura :

FORMAZIONE DELLA CHIOMA : l’obiettivo e’ di aiutare il giovane albero a crescere solido e di bell’aspetto. La struttura dell’albero puo’ essere migliorata eliminando alcune branche per assicurare solidita’ alla pianta quando questa, nel tempo, diventera’ vecchia. Le branche dovranno essere uniformemente spaziate e distribuite nella chioma. Le branche con inserzione debole, corteccia inclusa, dovranno essere eliminate o ridotte, al pari dei rami poco resistenti o compromessi, o di quelli che, incrociandosi, si danneggiano a vicenda.

INNALZAMENTO DELLA CHIOMA : consiste nell’eliminazione delle branche inferiori o nella loro preparazione in vista di un taglio successivo. Per evitare eventuali squilibri, la chioma dovra’ essere pari ad almeno i due terzi dell’altezza totale dell’albero.

MANUTENZIONE DELLA CHIOMA : l’obiettivo e’ di mantenere l’albero nella migliore condizione possibile. L’intervento consiste nell’eliminazione delle branche morte, morenti, malate, in competizione con altre, in soprannumero, con inserzioni deboli e, a volte, di quelle con scarso vigore.

DIRADAMENTO DELLA CHIOMA : comprende la potatura di manutenzione della chioma. Consiste nell’eliminazione di una piccola parte dei rami secondari vivi e di piccolo diametro. Di norma si tratta di una percentuale che varia dal 5% al 10%; in ogni caso, non supera mai il 15%. Il risultato deve conservare una densita’ di fogliame uniformemente distribuita, oltre che una struttura di rami ben spaziati. Il diradamento non modifica ne’ la dimensione ne’ la forma dell’albero. Deve permettere il passaggio di piu’ luce possibile attraverso la pianta, per ridurre la resistenza al vento o per diminuire il peso di branche sovraccariche.

POTATURA A RIDUZIONE DELLA CHIOMA : comprende la potatura di manutenzione della chioma. E’ un intervento utile a ridurre le dimensioni della chioma dell’albero, cercando di mantenerne il piu’ possibile la forma naturale. Sui rami piu’ esterni o sui fusti viene eseguito un taglio di ritorno, accorciandoli fino a un laterale di dimensioni appropriate. La capitozzatura non deve essere realizzata in nessun caso. Quando si effettua il taglio di ritorno, il diametro della branca laterale rimanente deve essere pari almeno a un terzo di quella eliminata. Non deve essere rimosso piu’ di un terzo del fogliame totale.

RIDUZIONE PARZIALE DELLA CHIOMA : si esegue quando si verifica contrasto tra la chioma dell’albero e gli edifici adiacenti. Le raccomandazioni sono identiche a quelle della Potatura a riduzione della chioma.

RESTAURO DELLA CHIOMA : si parla di restauro della chioma quando si deve intervenire su esemplari storici, oppure su vecchi alberi di valore che hanno perso, anche solo in parte, la forma e la struttura originarie a causa di eventi atmosferici, malattie o per intervento scorretto dell’uomo. L’obiettivo e’ di ricostruire una nuova chioma su una struttura di rami sana e solida. Le parti morte vengono eliminate lasciando quelle ancora vive.

Modifiche e modellazione della chioma :

TESTA DI SALICE : e’ un metodo che consiste nel taglio ripetuto delle branche sempre nello stesso punto, con periodicita’ variabile da uno a tre anni. La testa di salice si formera’ nel punto di taglio. Queste teste, nelle quali si immagazzinano le energie di riserva della pianta, non andranno mai rimosse ne’ danneggiate. La testa di salice produce un effetto ornamentale particolare e permette di mantenere gli alberi ad altezza e forma determinate.

POTATURA A SPALLIERA : e’ un metodo utilizzato per ricoprire muri o graticci. Si combina il taglio con la legatura delle branche, per indirizzarle come si desidera. La potatura degli alberi prescelti inizia generalmente in vivaio. Gli interventi dovranno essere eseguiti annualmente. È necessario ispezionare le legature regolarmente, ogni anno.

ARS TOPIARIA : in questo caso le piante sono potate in forme molto rigide, ad esempio statue o figure geometriche tridimensionali (come ad esempio cubi, rettangoli, ovali, sfere, eccetera). Nei casi di forme molto squadrate la base della chioma deve essere leggermente più ampia della sommita’ per evitare defogliazioni.

Gli errori piu’ comuni nella potatura di alberi, arbusti e piante da frutto :

ERRORI DI INTERPRETAZIONE : In Italia una delle tecniche di potatura usate in modo piu’ disinvolto e’ la CAPITOZZATURA, ossia la recisione del cimale dell’albero per facilitare la crescita di una chioma abbondante. Tuttavia bisogna sottolineare che la capitozzatura spesso non e’ il metodo migliore per risanare o curare gli alberi. Nel nostro paese purtroppo la maggior parte dei lavori di giardinaggio e’ affidata ad aziende o semplici giardinieri privi della necessaria qualifica professionale. La capitozzatura richiede mezz’ora di lavoro, contro le due o tre ore di un taglio ragionato. Spesso si e’ convinti che piu’ si pota migliore e’ il lavoro. Si tratta di un errore di interpretazione grave dovuto alla cattiva abitudine di interpellare chicchessia sulle questioni di giardinaggio. Se ci si rompe un braccio, si va di sicuro dal medico, ma se c’è da potare spesso il parere dell’amico vale piu’ di quello dell’agronomo.

LA TECNICA NECESSARIA : Quand’anche il principiante impari a potare al momento giusto e nella misura corretta, puo’ commettere gravi errori. Ad esempio, i frequentissimi ERRORI DI TECNICA DI TAGLIO. Il taglio infatti deve essere: pulito, obliquo e vicino a una gemma o a un nodo. Bisogna assolutamente evitare i tagli slabbrati, strappati, scortecciati. Da evitare anche i tagli orizzontali, che possono creare microristagni d’acqua con conseguenti infezioni fungine. I tagli lontani da gemme o nodi generano inoltre antiestetici monconi legnosi, che la pianta stessa deve escludere dal passaggio linfatico e difendere da saprofiti e parassiti. Tecnica corretta e attenzione necessaria sono le sole a rendere lunga la vita della pianta !

EVITARE PAURE IMMOTIVATE E’ POSSIBILE : Chi vede una pianta sofferente non sempre ne cerca la causa. Più spesso impugna forbice e sega, riducendo l’arbusto a un moncone. Il vigore della potatura non e’ mai in grado di salvare la pianta. Bisogna invece risolvere il problema alla radice per evitare che la salute della pianta peggiori.

Chi non conosce a fondo gli alberi e’ preda di insicurezze giustificate e si domanda: “L’albero cadra’ ?, Danneggera’ la casa ? Puo’ ammalarsi ?, Rompera’ la pavimentazione ? Sfondera’ i muri adiacenti ? Le sue foglie sporcheranno o intaseranno le grondaie ? Le chiome limiteranno la luce ? Le siepi attireranno topi, insetti e uccelli ? Oppure daranno fastidio all’automobile ?” Cio’ puo’ spingere a tagliare e potare il piu’ possibile, causando guasti e disordine. Evitare tutte queste paure e’ possibile semplicemente affidandosi a un potatore esperto, un lavoratore agricolo qualificato impegnato in operazioni di potatura mirate e utili !